Curcuma e The Verde, tutti i segreti di queste sostanze orientali

Curcuma e The Verde, tutti i segreti di queste sostanze orientali

Curcuma e the verde sono due spezie di provenienza orientale le cui proprietà antinfiammatorie, rilassanti ed antiossidanti sono conosciute e sfruttate da millenni dalle medicine cinese, giapponese ed indiana. La curcuma è una spezia ricavata dalla radice dell’omonima pianta, molto simile allo zafferano (viene chiamata “zafferano delle Indie”), ma meno pregiata e quindi meno costosa; tuttavia possiede numerose proprietà curative e depuranti, utili per organi come fegato e reni.

In medicina ayurvedica la curcuma viene usata come integratore per contrastare l’infiammazione, per incrementare la produzione di bile da parte del fegato e per favorire lo svuotamento della colecisti. Il principio attivo della curcuma è la curcumina che ha anche proprietà antitumorali, perché inibisce l’azione di alcuni enzimi; inoltre contrasta l’azione dei radicali liberi, che causano l’invecchiamento cellulare attaccando il DNA. La curcuma viene usata anche a livello topico per le sue capacità cicatrizzanti: in India la si utilizza sulle punture d’insetto, sulle ustioni e sulle malattie della pelle.

Per ottenere la spezia che si usa in cucina, la radice di curcuma viene fatta bollire per ore, essiccata in forno ed infine schiacciata per ottenere la polvere che si utilizza anche per fare il curry. Si utilizza in piatti indiani, nepalesi e thailandesi, come il famoso curry con pesce e gamberi. La dose ideale? Circa 2 cucchiaini al giorno, ad esempio aggiunti a fine cottura in pasta, minestre, zuppe, yogurt oppure si può fare una gustosa salsa. Per facilitarne l’assorbimento, la curcuma può essere assunta con pepe nero o the verde.

Il the verde, come la curcuma, è un’altra spezia molto conosciuta ed utilizzata nel sud-est asiatico, specialmente in India ed in Cina. Il the verde in natura è un semplice arbusto, conosciuto da millenni. Dopo la raccolta, le foglie subiscono un particolare trattamento per ottenere la polvere da cui fare la tisana. Studi medici hanno confermato che molti degli effetti curativi attribuiti al the verde sono reali: le foglie essiccate infatti contengono potenti antiossidanti (flavonoidi, catechine, vitamine del gruppo B) ed altre sostanze come teofillina, teina, amminoacidi e minerali. Il the verde ha quindi proprietà:

  • Antitumorali, per la presenza di epigallocatechina-gallato
  • Anticariogene, per la presenza di catechine e fluoro che prevengono la carie dentale
  • Antiossidanti, per la presenza di sostanze che contrastano i radicali liberi
  • Antidegenerative, per la presenza di polifenoli che prevengono malattie cardiovascolari e neurodegenerative
  • Drenanti, diuretiche e depurative

La teina svolge un’azione simile alla caffeina, ma viene rilasciata più gradualmente quindi i suoi effetti sono più moderati. Inoltre è stato dimostrato che il consumo regolare di the verde contribuisce ad evitare i picchi glicemici nel sangue e quindi ha effetti benefici su malattie come il diabete di tipo 2. Per trarne tutti i vantaggi si consiglia di consumare almeno 2 tazze al giorno di the verde, mettendo in infuso le bustine (ma meglio utilizzare le foglie essiccate) in acqua non bollente per evitare di degradare i principi attivi.

Riassumendo, curcuma e the verde sono tipiche spezie orientali dalle numerose proprietà benefiche che si stanno diffondendo anche in Occidente , anche grazie ai numerosi recenti studi che hanno confermato le proprietà che da millenni la medicina tradizionale gli attribuisce.

Thanks for Reading

Enjoyed this post? Share it with your networks.

Leave a Feedback!